piano9logonero

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

CONTATTACI
info@piano9produzioni.it
WHATSAPP
+39 327 1933179

Associazione di Promozione Sociale
Rivolta a filmmakers e produzioni indipendenti

linea
linea2
piano9logobianco

facebook
instagram
twitter
linkedin
youtube
whatsapp
messenger

Sognatori per vocazione

Piano9produzioni.it - Associazione di promozione sociale | @ ALL RIGHT RESERVED | Powered by Vito Sugameli

Trucchi ed effetti speciali in Stranger Things: i segreti della serie Netflix tra VFX e mostri artigianali

10-07-2022 23:00

Aurora Tamigio

Curiosità, Effetti speciali, Trucco cinematografico, Scenografia,

Trucchi ed effetti speciali in Stranger Things: i segreti della serie Netflix tra VFX e mostri artigianali

VFX, digitale, stuntmen e mostri artigianali: come si realizza con gli effetti speciali il mondo fantastico della celebre serie tv Netflix.

Lo sappiamo che avete tutti visto la stagione 4 di Stranger Things: l’avete divorata in una sera oppure avete finito i primi cinque episodi e poi vi siete dedicati alla seconda parte, uscita il 1 luglio? In ogni caso, la serie Netflix ideata dai fratelli Duffer ne ha fatta di strada dalla prima stagione, uscita nel 2016, e con lei anche il suo budget e gli effetti speciali. Sì, perché uno dei motivi per cui questo show ci piace tanto - oltre alla trama tra mistery e fantascienza, e al cast sensazionale - è quell’aria vintage da horror anni ’80 il cui merito va anche a trucco ed effetti speciali.

trucchi-effetti-speciali-stringer-things-1.png

Lo sapevate? In Stranger Things gli effetti speciali non sono solo e soltanto digitali, come va tanto di moda adesso in film e serie tv, ma in gran parte artigianali. Questo vuol dire che sono frutto del lavoro eccezionale di scenografi e truccatori. In questo articolo, approfittando del successo della stagione 4 di Stranger Things (in attesa di vedere la quinta, in uscita probabilmente nel 2024), vi raccontiamo come si realizza con gli effetti speciali - digitali e artigianali - il mondo di Matt e Ross Duffer, tra l’Indiana degli anni ’80 e il terrificante Upside Down.

trucchi-effetti-speciali-stringer-things.webp

Le creature (non solo) digitali di Stranger Things

Come sono stati realizzati, sin dalla prima stagione, il Demogorgone, il Mind Flayer e le altre spaventose creature del Sottosopra? Molte delle sequenze VFX di Stranger Things sono opera dalla Rodeo FX, famosissima società internazionale di effetti visivi che lavora per cinema, tv e pubblicità dal 2006, anno della sua nascita: per ricreare i mostri in digitale Rodeo è partita scansionando una miniatura o utilizzando la modellazione digitale, per poi passare all'animazione e infine inserire la creatura in montaggio nella sequenza live. È molto importante ricreare, anche digitalmente, le stesse condizioni di luce e ombra presenti sul set in modo che il mostro sia inserito in modo credibile all'interno della scena. 

 

In varie sequenze, per esempio quando le creature devono interagire con gli attori in carne e ossa, Paul Graff - vincitore di numerosi Emmy e supervisore agli effetti speciali di tutte le stagioni di Stranger Things – ha scelto di usare gli stand-in, oggetti che permettono agli interpreti di avere maggiore consapevolezza della presenze fisica dei mostri in scena: spesso sono bastoni su cui sono montati palle da tennis oppure pupazzi gonfiabili. È possibile che abbiate visto in giro numerose immagini di backstage in cui i protagonisti di film e serie tv fantasy recitano con accanto gli stand-in; erano molto usati anche in Game of Thrones per ricreare i draghi di Daenerys. Ma non solo. In Stranger Things spesso si ricorre a degli stuntmen: non solo perché gli attori abbiano un’idea concreta dei movimenti della creatura in scena, ma anche per permettere al direttore della fotografia di valutare l’effetto della luce in quella sequenza e, in seguito, di raggiungere il realismo perfetto in montaggio .

trucchi-effetti-speciali-stringer-things-3.webp

Ambientazioni, tra anni '80 e fantascienza

Non di soli mostri è fatto Stranger Things: a determinare il fascino di questa serie tv, ambientata negli anni ’80 in un piccolo paesino del Midwest statunitense, sono anche le ambientazioni e le atmosfere. E qui non si parla di fantasia ma di elementi realistici, sebbene datati, che devono risultare perfettamente credibili. Per questa ragione, molti dei paesaggi che fanno da sfondo alle avventure di Mike, Eleven, Dustin, Will e Lucas sono ricreati digitalmente: per quanto costumi e scenografie di Stranger Things siano impeccabili, infatti, è difficile che i panorami dietro le finestre, gli edifici o gli interni siano del tutto ricreati dal vivo sul set; non solo perchè il budget dovrebbe essere infinito (già così parliamo di diversi milioni di dollari) ma anche per raggiungere un efficace effetto di verosimiglianza. Di conseguenza si utilizza spesso ciò che si chiama digital set o set extension: si tratta di un"set ibrido", in parte realizzato dal vero in parte ricreato in digitale. Per farlo si usa il famoso greenscreeen (o bluescreen), uno sfondo che permettere l’estrazione della figura dell’attore e consente inserire alle sue spalle il nuovo scenario in post produzione. Anche qui non ci allontaniamo così tanto dalle tecniche che venivano usate prima dell'avvento de digitale: un tempo si utilizzavano in modo simile i “fondali”, ossia giganteschi quadri perlopiù disegnati su superfici di vetro da illustratori e scenografi. 

trucchi-effetti-speciali-stringer-things-1.webp

Gli effetti speciali artigianali di Stranger Things 4 

Da amanti del cinema anni ’80, i Duffer potevano lasciarsi sfuggire l’occasione di realizzare finalmente, a meno una stagione dalla fine dello show, un mostro del tutto artigianale? Certo che no! Ecco allora che lo spaventoso Vecna, udite udite, è al 90% reale. Il costume è frutto del lavoro sensazionale di costumisti e truccatori, che hanno lavorato direttamente sul corpo dell’attore Jamie Campbell Bower, che ogni giorno arrivava sul set 6 ore prima degli altri per indossare tutto l’armamentario. I Duffer, in particolare, hanno contattato Barrie Gower, leggendario creatore di protesi nonché truccatore sul set di Game of Thrones (ha dato lui un volto al Night King), che ha lavorato in sinergia con la responsabile del trucco Amy Forsythe. Diversamente dalle precedenti creature della serie, Vecna non è un mostro informe ma un cattivo umanoide (più o meno), quindi l’effetto doveva essere quanto più simile al movimento di un uomo: insieme, Gower e Forsythe hanno realizzato un costume composto di vari pezzi incollati sulla pelle dell’attore, assecondandone i movimenti, colorato fino a farlo risultare viscido e materico. Il risultato, sarete d’accordo se avete visto Stranger Things 4, è favoloso.

Ti sei divertito a leggere questo articolo? Se sei un truccatore, un esperto di effetti speciali o uno scenografo, dicci cosa ne pensi! Oppure contattaci per collaborare con noi.


DISCLAIMER
Piano9 è un'associazione di promozione sociale che opera nel settore della promozione audiovisiva, rivolgendo i propri servizi ai propri soci/tesserati. Le entrate, che consentono il sostentamento dell’associazione ed il corretto svolgimento delle proprie attività, sono costituite in buona parte dalle quote di tesseramento dei soci.


facebook
instagram
twitter
linkedin
youtube
whatsapp
messenger
Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder